carrara, Cronaca, Cultura, Economia, Eventi

Maia eroina inconsapevole

 Maia è una cagnolina dell’unità cinofila del Comando dei VVFF di Massa Carrara; ad ottobre compie otto anni ed è il primo ed unico cocker in Italia con il brevetto per la ricerca di persone.

Con il suo padrone, Silvio Zurlini, è sempre pronta a partecipare alle operazioni. di salvataggio; così è stato recentemente dopo il nubifragio a Livorno edue anni fa ad  Amatrice, dove tra le macerie ha fiutato due vittime del crollo dell’edificio.

«La tecnica di intervento su macerie – spiega Zurlini – prevede l’azione congiunta di due unità cinofile. Il primo cane segnala un eventuale effluvio (cioè il diffondersi dell’odore dell’essere umano) e nel punto individuato viene posizionata una bandierina. Sarà il secondo cane a confermare se  in quella posizione sono sotterrate persone e si inizia a scavare».

Maia ha partecipato alle ricerche dopo il drammatico incidente alle cave di Carraradell’aprile 2016; grazie alla sua piccola taglia riesce ad arrivare dove i cani più grandi non arrivano. Per lei è solo e sempre un gioco e quando un disperso viene ritrovato, arriva il premio: un pezzetto di wuster.

Silvio Zurlini nel 2009 era  in servizio all’Aquila; qui vede lavorare i colleghi delle unità cinofile e in lui si accende la voglia di provarci. Maia nasce poco dopo, inizia l’addestramento quando ha solo 75 giorni e in poco tempo ottiene il brevetto per la ricerca di persone, sia in superficie che sotto le macerie. Come spiega con un pizzico di orgoglio per i tanti riconoscimenti ottenuti, non esiste strumento al mondo più efficace dell’olfatto del cane;  ma i risultati arrivano con la formazione dove si insegna a operare in sicurezza e a prestare soccorso nel modo appropriato.

Grazie a Maia il comando di Massa Carrara si è messo in evidenza e questo che è motivo di soddisfazione per tutta la compagnia.  Purtroppo recentemente Maia si è ammalata di epatite mangiando un boccone durante un intervento e Silvio sta pensando già alla prossima cagnolina da addestrare: questa volta, promette, sarà un labrador.

La Fondazione Marmo ha donato un pick up attrezzato per trasporto cani all’unità cinofila del comando dei VVFF di Massa Carrara.

Angelica Lazzerotti

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *